Disconnettere sessioni e utenti da riga di comando


Accedendo ad un sistema da una postazione remota può portare alla necessità di disconnettere sessioni e utenti da riga di comando; questo accade, soprattutto quando si sta accedendo ad un server installato in modalità Core.

Quello che può succedere, nel dettaglio, è che per qualche motivo o operazione errata, la sessione rimane in uno stato ibrido, quasi di attesa. Spiegandomi meglio posso dire che, se faccio login con lo stesso utente, dopo una disconnessione errata,  resto inprigionato in una schermata nera senza nessun modo di interagire e senza modo di effettuare la disconnessione in modo corretto. Curiosamente, le sessioni disconnesse non incrementano il conteggio delle sessioni attive cioè, se io sto lavorando in desktop remoto con le due licenze fornite da windows, le sessioni “strane” non influiscono per nulla in tale conteggio. E’ come se fossero in tutto e per tutto sessioni fantasma, dove tutto cio’ che fanno è tenere impegnato il profilo utente.

A questo punto ci viene in aiuto la nostra bella e nostalgica riga di comando (essendo una versione Core non abbiamo a disposizione nessuna sessione grafica); e con il comando quser andiamo a listare tutte le sessioni attive che vogliamo disconnettere in modo forzato.

Lista sessioni e utenti attivi

Lista delle sessioni attive

A questo punto, una volta conosciuto e annotato l’ID della/e sessione/i che vogliamo terminare,  procediamo con il comando logoff

disconnessione da riga di comando

e adesso verifichiamo che tutte le sessioni, tranne quella attiva siano state correttamente disconnesse

sessioni disconnesse da riga di comando

Tutte le sessioni, tranne quella attiva, sono state disconnesse con successo.

In realtà, se fossimo davanti alla console, potremmo richiamare un prompt dei comando digitando cmd, dopo avere aperto la finestrella esegui (tasto bandierina di windows  + tasto R).

richiamo manuale del prompt dei comandi

Il problema nasce dal fatto che siamo connessi tramite una sessione di desktop remoto e non sempre, per motivi di drivers, abbiamo accesso a tutte le scorciatoie di windows

Tutti i comandi possono essere eseguiti indifferentemente da  powershell o dal normale prompt, a patto di essere in una sessione aperta con modalità amministrativa.

A questo punto, potete riconnettervi con l’utente prescelto e avrete evitato un inutile e forse pericoloso riavvio del server.

Nel caso foste alla ricerca di un consulente informatico / tecnico informatico sistemista, potete contattarmi ai recapiti che trovate sul sito